Il quadro mai dipinto

717BA3EC-2AE0-4A11-BA4C-D5E2B39593C0.jpegIL QUADRO MAI DIPINTO” di Massimo Bisotti è stato pubblicato il 6 maggio 2014 ed è un romanzo che ha venduto più di cento mila copie.  Io ho acquistato questo libro alla Mondadori a soli €13.50, ma potete trovarlo anche online e in tante librerie.

TRAMA

Patrick è un insegnante e un pittore con l’ossessione per la perfezione. In una mattina di giugno entra per l’ultima lezione nella sua aula dell’Accademia di Belle Arti. È pronto a lasciare Roma per ripartire da zero a Venezia, città fatta d’acqua e d’incanto. Si congeda dai suoi allievi, lasciando loro un messaggio d’addio che è anche un testamento spirituale: «Credete sempre nelle emozioni, credete nell’amore, senza avere paura di sbagliare perché a volte sono proprio gli errori a portarci alla felicità». Torna a casa e prima di partire decide di andare una volta ancora in soffitta per dare un ultimo sguardo al quadro che ritrae la donna che ha molto amato, la donna il cui ricordo porta sempre con sé. Ma, quando scopre la tela, la vede vuota: la donna sembra avere abbandonato il quadro. Sgomento, Patrick copre nuovamente il dipinto. In fretta e furia abbandona la soffitta e Roma, e corre all’aeroporto. Durante il volo, però, batte la testa e all’arrivo si ritrova confuso, non riesce a ricordare bene il motivo per cui è partito. Ma in tasca ha un biglietto con un indirizzo e un nome: “Residenza Punto Feliz”. Si recherà là e troverà una nuova e strana famiglia pronta ad accoglierlo. Miguel, il proprietario della pensione, uno spagnolo saggio cui è facile affidarsi; Vince, gondoliere con il cuore spezzato da un amore andato male; e il piccolo Enrique, curioso ed entusiasta come solo i bambini sanno essere. La nuova vita di Patrick scorre tra amnesie e scoperte, finché a una festa incontra Raquel e non ha dubbi: è lei, la donna che è fuggita dal suo quadro.

Un libro indimenticabile, sul perdersi e il ritrovarsi, sulla memoria e l’accettazione di se stessi, sull’importanza di restare fedeli al precetto più vero e necessario: “mai controcuore”.

PARERE PERSONALE

Ho acquistato questo libro soltanto l’anno scorso verso fine anno. Non so dirvi il motivo,ma non mi convinceva. Lo vedevo come un classico libro sdolcinato dal finale “..e vissero tutti felici e contenti.”.

Poi mi sono decisa e l’ho comprato. Non è un classico libro che parla di due innamorati.

Questo è uno di quei libri che fai fatica a valutare perchè ci sono frasi poetiche,filosofiche e psicologiche. Ed è proprio questo il bello. Bisotti riesce a farti coinvolgere totalmente facendoti apprezzare la filosofia, l’arte e la psicologia. Ovviamente c’è chi lo apprezza e chi no perchè lo reputa “difficile”.

Detto ciò, io ve lo consiglio assolutamente e spero che a voi piaccia.

Buona lettura. ♡

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...